riccardo_zanon_welfare_organizzazione

Come essere meno stressati e vivere meglio al lavoro grazie al Welfare Aziendale

Ti ricordi quando c’erano le pubblicità dei primi smartphone? Chi si è dimenticato i cellulari Nokia?
Immagino nessuno!
La pubblicità parlava chiaro: puoi lavorare come vuoi, quando vuoi e rispondere in tempo reale alle richieste dei tuoi datori di lavoro e/o dei tuoi clienti.

Proposta molto interessante per l’epoca. Sembrava una vera e propria rivoluzione!

Oggi, a volte, vorremo lanciare il nostro iPhone o cellulare Android da qualche parte perché non riusciamo a staccarcene, al punto che qualcuno ha ipotizzato che costituisca una qualche tipologia di protesi.

Da quel momento uno dei modelli di organizzazione aziendale maggiormente diffuso è quello basato su risposte in tempo reale. Tutti si aspettano risposte immediate. I fornitori, i clienti, i dipendenti.

Le aziende si dotano di sistemi in grado di avere analisi in tempo reale della produttività, delle risposte ai clienti e/o fornitori e della soddisfazione del cliente.
Per non parlare delle email! Quante ne ricevi al giorno? Io tante, come te, immagino.

Oggi i dati ci dicono che la produttività derivante dalle nuove tecnologie cresce di meno e il work-life balance (bilanciamento vita-lavoro) è peggiorato molto.

La tecnologia adesso fa fatica a “farci fare più cose in meno tempo”, e “siamo sempre più stressati per tutto quello che facciamo”.

Di conseguenza l’incremento delle performance in futuro sarà sempre più legato alla creazione di metodi organizzativi aziendali che sono capaci di mettere al centro la persona, le sue necessità e le sue problematiche.

Ora non ti dico che devi modificare radicalmente la tua azienda, ma cominciare a pensarci sì.

Sì perché se migliori il tuo ambiente di lavoro puoi riuscire ad attirare le menti migliori.

Sì perché ti serve a rendere più produttiva la tua azienda.

Sì perché i tuoi dipendenti non lavorano solo per i soldi che gli dai con lo stipendio. Oggi chi lavora per te cerca un benessere nella propria vita.
E se non sei in grado di dare queste risposte ai tuoi dipendenti presenti o futuri, potresti avere seri problemi.

E come si fa tutto questo?

Con il Welfare Aziendale se crei una vera relazione con i tuoi dipendenti:
– crei benessere ascoltando i bisogni reali dei tuoi dipendenti;
– li avvicini alla tua azienda molto più di quanto lo possa fare la leva monetaria;
– puoi scoprire problemi organizzativi in modo più facile e veloce;
– risolvi contrasti che danneggiano il buon andamento produttivo;
– crei una strategia a basso costo per la fidelizzazione dei tuoi dipendenti.

Per oggi mi fermo qua, ma approfondirò questo aspetto la prossima settimana per quanto riguarda lo Smart Working.

Se vuoi valutare un piano di Welfare Aziendale che porti vantaggio economico, competitivo e di produttività alla tua azienda, contattami o clicca sul bottone qui sotto dove vedi scritto Appuntamento gratuito. Vediamo insieme cosa possiamo fare.

Sono Avvocato e Consulente del Lavoro: mi occupo di consigliare alle aziende come gestire al meglio le Risorse Umane. Credo che il Capitale Umano sia la vera risorsa che può fare la differenza per l'azienda che rende, produce e vuole perseguire traguardi di miglioramento e sviluppo. In quest'ottica cerco soluzioni ai problemi di Gestione del Personale, Costo del Lavoro, Contratti di Lavoro. La mia attività cerca di non basarsi su un pensiero standardizzato, ma si pone l'obiettivo di personalizzare le soluzioni. Cooperative e Welfare Aziendale sono due temi che mi appartengono e che fanno parte del mio know how.

Rispondi

Site Footer

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: