riccardo-zanon-formazione-patto-di-stabilita

Spendo tanti soldi per la formazione dei miei dipendenti e…poi scappano via!

La produttività, la sicurezza e l’organizzazione in azienda passano attraverso la formazione.

In azienda è essenziale fare formazione al personale dipendente, soprattutto in un’epoca in cui le novità sono quasi all’ordine del giorno.

Formare il personale aiuta a mantenere alto il livello di competenza dell’azienda nel suo insieme. Il lavoratore che riceve corsi di aggiornamento periodici accresce le proprie competenze professionali e si sentirà sempre più motivato a dare il meglio sul lavoro.

I questionari Welfare che proponiamo ai lavoratori rilevano un aumento nel 2021 di almeno il 40% rispetto al 2019 di interesse per i corsi di aggiornamento professionale e di acquisizione di nuove competenze.

Tutto bello fino a quando l’imprenditore mi dice: “non faccio formazione perché spendo tanti soldi e poi i dipendenti vanno a lavorare da un’altra parte”!

Non regalo competenze ai miei concorrenti

Queste sono le obiezioni che emergono.

Ed effettivamente hanno ragione: stanno spendendo tanti soldi in formazione senza che questa gli ritorni in impegno, produttività, fedeltà da parte dei propri dipendenti.

Così si ritrovano a spendere soldi e non ottengono nessun beneficio.

Eppure la soluzione c’è e funziona!

Si chiama Patto di Stabilità.

Uno strumento poco usato dagli imprenditori e poco conosciuto persino dai professionisti.

Soprattutto quelli che si limitano a fare le paghe e non ti forniscono alcuna consulenza.

Cos’è il Patto di Stabilità?

Il Patto di stabilità é un vincolo per il quale il lavoratore si obbliga, per un determinato periodo di tempo a non risolvere il rapporto di lavoro.

In pratica, quando eroghi la formazione ai tuoi dipendenti, fai sottoscrivere loro un contratto con il quale si impegnano a non dimettersi per un determinato periodo di tempo.

In caso decidessero di andare via comunque prima della scadenza?

Il Patto di stabilità prevede che tu potrai agire nei confronti del lavoratore per ottenere la restituzione di quanto erogato in formazione.

La parte interessante è rappresentata dal fatto che il valore di quanto il tuo dipendente ti dovrà restituire è già indicato all’interno del Patto.

Questo è lo strumento che esiste, funziona, e che poche aziende conoscono e continuano a perdere soldi in formazione, regalando competenze ai concorrenti.

Eppure, come vedi, la soluzione esiste, e ti permette di fare formazione in modo sereno e profittevole per la tua azienda.

**********************

Cerchi un professionista a cui affidarti e che ti guidi nella scelta della strategia giusta?

[Allora hai bisogno di me]

Studio il tuo caso e ti propongo la strategia più adatta alla tua situazione e al tuo budget.

E’ probabile che ti sarà capitato di avere a che fare con professionisti che aspettano di sentire da te quali servizi vuoi.

Ma dovrebbero essere loro a proporre la strategia giusta, non trovi? Se questo è quello che cerchi, ovvero un professionista che studi la tua situazione e ti indichi la via da seguite sei nel posto giusto.

Contattami attraverso il mio calendario e verificherò insieme a te se e come posso aiutarti.

**************

Sono Avvocato e Consulente del Lavoro: mi occupo di consigliare alle aziende come gestire al meglio le Risorse Umane. Credo che il Capitale Umano sia la vera risorsa che può fare la differenza per l'azienda che rende, produce e vuole perseguire traguardi di miglioramento e sviluppo. In quest'ottica cerco soluzioni ai problemi di Gestione del Personale, Costo del Lavoro, Contratti di Lavoro. La mia attività cerca di non basarsi su un pensiero standardizzato, ma si pone l'obiettivo di personalizzare le soluzioni. Cooperative e Welfare Aziendale sono due temi che mi appartengono e che fanno parte del mio know how.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.