riccardo-zanon-costo-del-lavoro-imprenditore

Costo del Lavoro: il problema sta tutto lì e tu devi imparare a gestirlo

Il Costo del Lavoro è un concetto sconosciuto a molti Imprenditori!

Lo noto direttamente quando si affidano a me per l’analisi del loro costo del lavoro in azienda.

Oppure, indirettamente, quando mi chiedono di controllare i contratti di lavoro o patti attinenti al rapporto di lavoro, come il patto di non concorrenza.

Spesso non per colpa loro, ma del o dei professionisti che li seguono, viene erogata retribuzione in modo non corretto: per esempio trasferte a segretarie, oppure superminimi o premi una tantum senza alcuna lettera che accompagna l’assegnazione di questa retribuzione. 

Non è colpa tua!

Ti affidi ad un professionista e pensi che si occupi di tutto lui!

Purtroppo non è sempre così e per questo motivo TU, come Imprenditore, DEVI conoscere il Costo del Lavoro.

Questo per il semplice fatto che sei tu che hai il controllo:

i conti della tua azienda

l’andamento degli ordini

gli obiettivi che periodicamente la tua azienda deve raggiungere.

…e di conseguenza quanto puoi spendere per il personale della tua azienda! 

Una parola sugli obiettivi: dimentica il fatturato, o almeno non considerarlo come primario nella tua azienda.

Devi guardare l’EBITDA, la produttività, i tempi di consegna, i resi e altri obiettivi che possono davvero fare la differenza tra guadagnare o perdere soldi. 

Conoscere il Costo del lavoro ti permette di capire meglio:

  • Di quanti lavoratori hai bisogno
  • Come attrarli o trattenerli nella tua azienda
  • Come poterli stimolare per raggiungere gli obiettivi
  • Quanto pagarli
  • Come retribuirli, quindi usando voci di retribuzione che possono avere una finalità ben specifica
  • Come gratificarli.

In poche parole come pagare meno tasse e contributi e rendere più soddisfatti i tuoi dipendenti.

Lo so sembra uno slogan, in realtà è il riassunto di una corretta pianificazione retributiva che ti permette di avere la massima resa con la spesa (costo del lavoro) che probabilmente stai già sostenendo per il tuo personale.

Non c’è nessuna magia o artificio o chissà quale strada idea o trucchetto.

Nasce da qui l’obiettivo del mio libro “Welfare Aziedale”: conoscere il nemico e gestirlo al meglio secondo le necessità della tua azienda.

E nel 2021, in questo periodo di pandemia, conoscere il Costo del lavoro assume un significato più importante: preparare la propria azienda alle sfide che la pandemia ci pone davanti.

Troppe incertezze, troppe notizie contrastanti non ci permettono più di avere retribuzioni fisse come i superminimi in azienda.

Quindi cominciamo dalle basi conoscendo cos’è il Costo del lavoro.

E per farlo cominceremo dall’aspetto più importante: com’è composto!

Ecco le voci fondamentali:

  1. stipendio netto
  2. contributi previdenziali a carico del dipendente (es. contributi INPS)
  3. imposte a carico del dipendente (IRPEF)
  4. contributi a carico dell’impresa (es. contributi INPS non a carico del dipendente, contributi INAIL e TFR)
  5. i ratei di tredicesima mensilità ed altre mensilità aggiuntive
  6. i ratei del TFR
  7. le ferie e permessi maturati (soprattutto quando non vengono fruiti regolarmente ed è necessaria la monetizzazione)
  8. ogni altro importo attinente alla prestazione lavorativa (come ad esempio lavoro straordinario, premi)
  9. Costi intermedi connessi al lavoro (es. costi per la formazione del personale).

Tutto questo compone il Costo del lavoro.

Quindi sapendo che tu hai a disposizione o spendi 100 per il tuo personale devi capire come spendere meglio questi soldi e far sì che si riesca a dare una risposta alle necessità della tua azienda.

O spendendo meno, nel caso ci sia la necessità di ridurre il costo del lavoro, oppure spendendo meglio quei soldi per raggiungere i traguardi che la tua azienda si sta prefissando.

C’è anche l’ipotesi non trascurabile che tu debba fare un investimento sul personale. Anche in questo caso è necessario ottimizzare il costo del lavoro, affinché l’investimento possa produrre quanto prima i suoi effetti.

C’è un altro termine che è necessario tu conosca: cosa significa voce retributiva.

Per Voce retributiva vengono indicate le singole componenti della retribuzione annua come paga base, contingenza, aumenti periodici di anzianità, indennità di turno ed altre eventuali indennità di carattere generale (nei comparti in cui assumono rilevanza), premi mensili, mensilità aggiuntive ed altre erogazioni corrisposte regolarmente in specifici periodi dell’anno.

È importante che tu conosca questo termine perché ogni voce retributiva ha una sua personalità, ovvero si comporta in modo diverso all’interno del costo del lavoro e può portare ad un obiettivo, piuttosto che ad un altro.

Per questo è oppurtuno scegliere bene le voci retributive.

Per questo si parla di politiche retributive.

Ti ho parlato di personalità per quanto riguarda le voci retributive.

Non è un caso!

Infatti se scegli male le voci retributive queste potrebbero risentirsene e provocare danni economici alla tua azienda.

Certo è una immagine quella che ti do, per raffigurarti che è da questa cattiva scelta che spesso nascono vertenze e cause del lavoro per differenze retributive: ovvero si è scelto male come retribuire i propri dipendenti.

Ecco perché conoscere il costo del lavoro aiuta ad abbassare il rischio di cause e vertenze nella propria azienda.

Ecco perché spesso nel mio blog e nella mia formazione in webinar o in presenza ti parlo di questi aspetti.

Desidero che tu li conosca perché sono estremamente importanti per te come Imprenditore.

Ora se vuoi conoscere di più su questi aspetti continua a seguire il mio blog e scarica la mia guida gratuita sul Welfare Aziendale!

Se sei un Imprenditore che desidera migliorare la propria azienda e consentirle una prosperità nel futuro, questa é l’unica soluzione a cui pensare oggi.

Per questo motivo ho realizzato appositamente per te la guida gratuita sul Welfare Aziendale.

Sono Avvocato e Consulente del Lavoro: mi occupo di consigliare alle aziende come gestire al meglio le Risorse Umane. Credo che il Capitale Umano sia la vera risorsa che può fare la differenza per l'azienda che rende, produce e vuole perseguire traguardi di miglioramento e sviluppo. In quest'ottica cerco soluzioni ai problemi di Gestione del Personale, Costo del Lavoro, Contratti di Lavoro. La mia attività cerca di non basarsi su un pensiero standardizzato, ma si pone l'obiettivo di personalizzare le soluzioni. Cooperative e Welfare Aziendale sono due temi che mi appartengono e che fanno parte del mio know how.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: